ragazza riccia nera su sfondo fucsia e abito colorato

Armocromia: le nostre stagioni cambiano con gli anni?

Le stagioni cromatiche cambiano con il passare del tempo? Proviamo a rispondere…

Una volta definita la propria stagione cromatica possiamo darla per scontata? Oppure cambia nel corso della vita?

Questa è una domanda che mi viene fatta spesso dalle clienti che si avvicinano all’armocromia ed è comprensibile: se la stagione cromatica è il risultato della combinazione dei nostri colori naturali, cosa avviene quando questi cambiano per il trascorrere del tempo?

I cambiamenti di questo tipo fanno parte della nostra esperienza comune, soprattutto per quanto riguarda i capelli. Ad esempio, molte persone che da piccole erano bionde o comunque chiare, nel tempo si scuriscono; e poi, come ben sappiamo, prima o poi l’età ci porta tutte verso una chioma argentea.

In questi casi, quindi, cosa succede alla propria palette di colori? C’è davvero il rischio di passare anni a costruirsi un guardaroba perfetto per la propria stagione, per poi ritrovarsi capi non più adatti alla nostra nuova condizione?

Lascia, intanto, che ti rassicuri: la risposta breve è un deciso NO. Puoi tranquillamente acquistare i tuoi abiti seguendo le norme dell’armocromia anche se i primi capelli bianchi occhieggiano; potrai continuare a indossarli con successo anche tra molti, molti anni.

Qualcosa del nostro aspetto e del nostro equilibrio cromatico, però, indubbiamente cambia. In questo articolo voglio parlarti proprio di questo.

Come cambiano i colori durante l’invecchiamento

È un processo del tutto naturale: non appena si arriva ad essere adulti ecco che si inizia, tra le altre cose, a perdere i pigmenti che ci regalano i nostri colori caratteristici. Una perdita lenta, impercettibile per moltissimi anni, eppure inesorabile.

Mi riferisco quindi al colore dei capelli, ma anche a quello della pelle , degli occhi e delle labbra: queste ultime con il passare del tempo perdono di definizione..

Si tratta ovviamente di un lavoro progressivo, che ha bisogno di molti anni per risultare facilmente visibile; è però un processo continuo, sotterraneo.

Più che cambiare, quindi, i colori naturali della persona perdono di intensità e di contrasto.

L’incarnato diventa meno luminoso, la texture si modifica e possono apparire macchie sulla pelle.

Anche gli occhi si fanno meno intensi; pur mantenendo la stessa tinta, si fanno in qualche modo diversi.

Ed ecco quindi perché, in realtà, la nostra stagione sostanzialmente non cambia, possono esserci però delle variazioni che portano ad alcuni aggiustamenti di colori all’interno della propria palette, ma senza che siano necessari cambiamenti radicali.

In linea generale, le palette sono così ampie e complete affinchè possiate sempre trovare colori giusti per voi!

Il vostro guardaroba è quindi salvo; potrete però divertirvi a sperimentare qualcosa di leggermente diverso, magari con il trucco, e che prima non avreste utilizzato.

ragazza che guarda una palette colori

E tu, sai valorizzare il tuo guardaroba? Potresti iniziare dalla mia guida gratuita Oltre lo Stile. La trovi qui.

Quanto è veloce questo cambiamento?

Come ho già scritto, il processo di invecchiamento inizia fin dall’inizio, appena si diventa adulti. Alcuni elementi possono però renderlo molto più rapido e vorrei, quindi, invitarti a fare attenzione a proteggerti da loro – per mantenere più a lungo non solo i tuoi colori, ma soprattutto per salvaguardare la tua salute.

Sono sicura che alcuni di questi consigli li avrai già sentiti, magari dal tuo medico. Salute e bellezza vanno spesso a braccetto. Quindi:

– Abbi cura di te e della tua salute.

– Mantieni uno stile di vita sano e attivo, evitando gli eccessi di vario genere..

– Per preservare la bellezza della pelle, non esporti troppo tempo al sole e proteggiti sempre, in ogni caso, con una buona crema con filtro solare.

Ci sono poi i fattori genetici. Tutti invecchiamo, ma non sempre con la stessa velocità; anche tu conoscerai sicuramente qualche amica per la quale il tempo sembra essersi fermato, o magari avrai notato come spesso le donne giapponesi ci sembrino tendenzialmente più giovani rispetto alla loro età anagrafica. La lotteria genetica regala decisamente grandi vantaggi a chi la vince.

Gli aspetti psicologici dell’invecchiamento

L’invecchiamento è un qualcosa di soggettivo anche in senso psicologico. Fortunatamente, noi donne ci stiamo lentamente liberando dal tabù dei capelli bianchi, o delle rughe, o in generale di tutto quello che dimostra la nostra vera età.

È una questione di empowerment: le grandi dive di Hollywood possono permettersi di sfilare sul red carpet con i capelli grigi, perché orgogliose delle loro lunghe carriere (che nel frattempo spesso le porta ad essere anche produttrici o registe dei loro film). E una donna di cinquanta / sessant’anni oggi è anche una professionista, o un’imprenditrice, o un’artista, o un’appassionata di yoga…

Non siamo più solo la nostra età, finalmente.

E poi, non è detto che il grigio sia solo una questione di età. Negli ultimi anni c’è stata una vera e propria tendenza grey che ha portato il grigio alla ribalta, tanto da essere sperimentato anche da giovani donne di spettacolo come Rihanna o Pink.

Non a  caso, avevo scritto una articolo apposito proprio su come sfoggiare al meglio i capelli grigi e come abbinarli a livello di trucco e di colori. Lo trovate qui.

Il colore domina la vita

In chiusura di questo articolo, mi piace ricordare che il colore domina la nostra vita e i nostri ricordi. Colpisce i nostri sensi in modo immediato, diventa segno distintivo, elemento mnemonico. Persino un bambino ricorderà “le scarpe verdi” piuttosto che “le scarpe con i lacci”. Questo proprio per la capacità del colore di imporsi e farsi notare prima di ogni altro dettaglio visivo.

Anche durante l’invecchiamento, il colore si fa fondamentale: dettagli di colore, soprattutto a livello di trucco, orecchini e foulard, possono illuminare il viso e renderlo più sano e disteso. A patto, però, che ci si muova sempre all’interno della propria stagione cromatica di riferimento…

Spero che l’articolo sia stato interessante. Se questi argomenti ti appassionano, o se vuoi imparare a valorizzarti in ogni occasione, dai un’occhiata al mio esclusivo percorso online Stilosa Senza Sforzo. Dagli un’occhiata, lo trovi qui.

 

 

 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chi sono

Consulente di Immagine per sole donne.
La tua immagine parla di te: vuoi decidere Tu cosa raccontare o farlo decidere agli altri?

Leggi la mia guida “Oltre lo stile” (clicca qui)!

newsletter

Facebook

instagram